Loading...
Il menù della cena di Cracco per i 150 anni della Galleria Vittorio Emanuele II - CameraVip

Il menù della cena di Cracco per i 150 anni della Galleria Vittorio Emanuele II

cracco

Loading...

Porterà la prestigiosa griffe di Carlo Cracco il menù la cena di beneficienza organizzata a Milano per celebrare il 150esimo anniversario della Galleria Vittorio Emanuele

L’evento è in programmma il 13 settembre alle 21 e prevede novecento invitati che verseranno una quota di 500 euro a testa per assaggiare le bontà ideate da Cracco e preparate dai ristoratori della galleria.

Il ricavato sarà destinato all’iniziativa “Cena sospesa” che consente di offrire un pasto a chi non può permetterselo. L’iniziativa è promossa da Caritas, Fipe, Confcommercio ed Epam, con il patrocinio del Comune.

“Rendere omaggio alla Galleria – spiega il sindaco di Milano Giuseppe Sala – significa celebrare la bellezza architettonica e i 150 anni di storia della nostra città che questo luogo rappresenta e racconta. Per questo motivo, abbiamo deciso di organizzare una cena speciale. E non solo per la location esclusiva che la ospita. La cena per il 150° anniversario della Galleria vuole essere un momento di incontro e di riflessione. Perché per una città che crede fortemente nel valore della solidarietà, ricordarsi di chi è meno fortunato e ha più bisogno del nostro aiuto è un dovere sempre, soprattutto nei momenti di festa”.

“La Galleria è un monumento vivo di Milano conosciuto nel mondo – afferma Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio – e ricordare i suoi primi 150 anni significa celebrare anche la città che si è sviluppata attorno a quest’opera di straordinaria bellezza. Tutta la città. Ed è importante che proprio dalla Galleria, abitata da importanti imprese e simbolo di eleganza, parta un’iniziativa di solidarietà che poi è il cuore e la storia della Grande Milano”.

“Probabilmente una grande cena solidale nel cuore della sua città – dice Luciano Gualzetti, direttore di Caritas Ambrosiana – sarebbe piaciuta anche ad Alessandro Manzoni che nei Promessi sposi scrive che ‘si dovrebbe pensare più a far bene che a stare bene: e così si finirebbe anche a star meglio’. Aggiornando quell’idea alla sensibilità contemporanea il Papa ci ricorda che ‘uscire da se stessi per unirsi agli altri fa bene’. Sarà con questo spirito che chiederemo di vivere quella serata a chi vi parteciperà. Il ricavato sarà destinato alla ‘Cena Sospesa’, l’iniziativa, che nata con Expo, ha permesso in due anni, grazie alle offerte dei clienti dei 35 ristoranti che vi hanno aderito, di distribuire 60 mila euro in buoni pasto, come integrazione al reddito di 150 disoccupati impegnati nei programmi di riqualificazione professionale. Ci auguriamo anche che dopo la serata, altri ristoratori si facciano avanti, per entrare nel circuito dei locali ‘Cena sospesa’ e dare così continuità all’impegno di solidarietà dei cittadini milanesi”.

Potrebbero interessarti anche...